ACCORDO CON LA SOCIETÀ 'LEADER' SRL

Cupole, intesa Comune-Borsa: ente civico spenderà solo 20mila euro per lo smontaggio

CAPACCIO. Siglato un accordo di partenariato per il montaggio e smontaggio delle cupole geodetiche nell’area archeologica di Paestum tra il Comune di Capaccio e la società Leader Srl, organizzatrice della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. L’accordo prevede che le spese per il montaggio delle due sfere grandi saranno totalmente a carico della Leader Srl, diretta da Ugo Picarelli, che si è infatti impegnata a recuperare autonomamente la somma di 45mila euro occorrente per le operazioni d’installazione, e quindi a costo zero per il Comune di Capaccio, che invece si farà carico dei costi previsti per il montaggio della sfera piccola e per lo smontaggio finale di tutte e tre le cupole, con gli annessi servizi, per complessivi 20mila euro.
A confermare l’intesa è l’ing. Carmine Greco, responsabile apicale dell’Area VI: “Sui costi per il montaggio e smontaggio delle tre cupole geodetiche nell’area archeologica di Paestum, sulle quali l’Autorità Nazionale Anticorruzione non ha riscontrato alcuna irregolarità in merito alle procedure d’appalto e d’installazione, preciso che, a seguito di apposita delibera di Giunta, le spese sono state ripartite tra il Comune e la società Leader Srl che organizza la Borsa a Paestum. All’ente civico, in particolare, le operazioni di smontaggio costeranno un terzo dell’anno scorso, cioè meno di 20mila euro ovvero solo la cifra necessaria al noleggio dei mezzi speciali: impiegheremo, infatti, solo personale dell’Azienda Speciale Paistom, e quindi già in organico all’ente civico, risparmiando anche gli oneri dovuti l’anno scorso all'arch. Claudio D’Angelo, circa 10mila euro, che coordinò le operazioni di montaggio e smontaggio in qualità di esperto; infine, per tutte le operazioni di montaggio è stato impiegato meno di un terzo del tempo rispetto all'anno passato”.

Logo circle

La riproduzione dei contenuti giornalistici della testata STILETV è riservata. Pertanto, è vietata la riproduzione e l’uso, anche parziale, di testi, fotografie, contenuti audio/video, filmati, loghi, grafiche aziendali e pubblicitarie, con qualsiasi dispositivo elettronico/digitale o per mezzo di fotocopie, registrazioni, cover e tutto quanto è ascrivibile a copia non autorizzata.